Tre motivi per cui la parola Megxit è efficace

L’abbandono della Royal Family ha generato un neologismo, una nuova parola, che convince almeno per tre motivi

Siamo abbastanza abituati alle dimissioni da un posto di lavoro. Meno lo siamo, forse, a quelle da una famiglia. Ci si può dimettere dal ruolo di figlio? È un’idea piuttosto poetica, in un certo senso. Eppure, così è accaduto, a seguito di un comunicato, nella famiglia reale inglese.

Già, il principe Harry e la moglie Megan Markle hanno abbandonato la Royal Family innescando un maremoto nel Regno Unito. Un evento talmente epocale da stimolare da parte dei social l’invenzione di un nuovo termine, Megxit. Che ok, dal punto di vista fonetico, nel suono, non è una goduria. Però da quello del significato può stimolare connessioni interessanti.

Punto primo: Megxit e non Harrexit, per dire. No, il nome non insiste sul membro originario della famiglia reale, bensì sulla sua neo-moglie. Il che sa un po’ di schiaffo al lignaggio reale e trasuda un po’ di spirito popolare. Dopotutto, in linea teorica, non dovrebbe stupire nessuno se la gente comune si sente più vicina a una ex attrice che a un principino.

C’è poi l’elemento gender. È una forma di rivincita della donna sull’uomo: è lei che, agli occhi di chi ha inventato il nome, traina questa svolta così incisiva. Non è una grande novità nella storia della famiglia reale inglese, dove da secoli sono le donne a “portare i pantaloni”. Basti pensare alle regine più note dal periodo moderno in poi, Elisabetta I e la regina Vittoria. Ricordate così al volo un re inglese altrettanto noto?

Infine, scendiamo nei meccanismi linguistici. I neologismi o neoformazioni sono termini creati per descrivere un oggetto o un fenomeno nuovo, inedito. Ma la loro fortuna e sopravvivenza è legata alla fortuna che incontrano nei parlanti. Quale miglior legame, quindi, se non quello con l’altro grande cambiamento che riguarda il Paese in questi anni e cioè la Brexit? Entrambi i neologismi parlano di abbandoni, di uscite e fondono l’elemento che se ne va con la parola exit.

E così, anche se la Gran Bretagna e Megan Markle escono da qualcosa, siamo abbastanza convinti invece che i due neologismi creati per parlarne entreranno nel nostro lessico (almeno per un po’).

(Foto: unsplash.com).